Passa ai contenuti principali

Intervista con Ana Amalia “Non solo le torte di Anna “


Ana Amalia Agosti Fondatrice del blog  Non solo le torte di Anna  


Vincitrice del primo posto del contest ” A tutta frutta e verdura, indetto da l’officina delle ricette di Sandra Bruscolini in la collaborazione con babet in cucina con mamma’ diventato da poco 4 matti in cucina(+1)
La ricetta vincitrice e'

BARCHETTE DI MELANZANE RIPIENE 




Ana Amalia, nata in Argentina e italiana di adozione e’ una donna dolcissima, come si evince  nell’intervista. Si denota tutto l’amore che ha per la famiglia e per la cucina.



intervista 


Nel leggere la sua intervista vi farà sentire tutto l’affetto di una nonna, giovanissima, eclettica e piena di risorse, che si occupa anche di manifestazioni a scopo benefico

Troppo carina in questa foto con lo chef Anthony Andaloro con cui collabora negli eventi.
Ma ora iniziamo con l’intervista
Cara Ana Amalia io e Sandra e i lettori vogliamo conoscerti meglio
B/S Ciao Ana e benvenuta. Parlaci un po’ di te..Chi e’ Ana nella vita privata? Hobby, famiglia, lavoro,interessi ecc
Ana Ciao a tutti, io sono Ana, sopratutto la nonna Ana, il mio hobby, non chè il mio lavoro è il mio amatissimo blog. ma assolutamente prima di tutto, c’è la mia passione fin da piccola, i bambini io li amo, li adoro, passerei la vita con loro. Da quando avevo 12 anni, al posto di uscire con amiche, andare in bici, al cinema e cose cosi, io andavo dalle vicine di casa a “giocare con i loro piccoli” ancora in fasce. A molti ho insegnato a camminare, ho tolto il ciuccio, ecc. Difatti, il mio lavoro principale oggi è quello di baby sitter. Potete capire quanto amo i miei nipotini..
B/S Come nasce la tua passione per la cucina ?
Ana La mia passione per la cucina nasce innanzitutto vedendo mia mamma fare torte e dolci.Torte faraoniche a tanti piani, decorate a mano, con le glasse di mille colori. Lei ha fatto le nostre torte per la comunione, il fidanzamento, il matrimonio, il battesimo delle mie figlie, cosi’ un giorno mi son buttata anche io con la pasta di zucchero,e ho iniziato a creare le mie prime opere, per le mie nipotine, quindi, imparato a far le basi, le creme, e tutto il resto.
Sandra Molto spesso alcuni profumi e gusti ci riportano a dei ricordi, a me spesso succede, soprattutto per quanto riguarda la cucina.Tu hai un piatto che ti fa questo bellissimo effetto?
Ana l piatto che mi riporta alla mia infanzia sono i ravioli spinaci e ricotta che faceva mia nonna, rigorosamente tutto a mano, senza la macchinetta per tritare, senza quella per stirare la pasta, io faccio sempre questi ravioli sperando di sentire quel profumo, ma non sono uguali, non odorano uguale a quelli dalla nonna..
Sandra I profumi di una volta, con i ricordi diventano inimitabili. Secondo me dipende anche  dai prodotti. Oggi non sono cosi’ buoni come un tempo.
Ana a che età hai iniziato a cucinare?
Ana A cucinare nel vero senso della parola ho iniziato a 22 anni, appena sposata, la prima cosa che ho fatto è stata una brutta “tortilla di patate”, ma ho messo le patate crude, quindi, dopo 5 minuti le uova si son cucinate ma le patate erano crudissime, quindi, niente tortilla di patate.. cosi ho comprato libri, giornali, ecc, e imparato per forza..
Sandra Per chi ami cucinare?
Ana Amo cucinare per la famiglia, per i nipoti, per le figlie, la mia cucina è sopratutto quella casalinga, faccio quasi tutto a casa, dal pane di tutti i giorni, la pasta ripiena, ecc
Sandra Come nasce l’idea di creare il tuo blog?
Ana Il mio blog, mi è stato “regalato” da una delle figlie, vedendo che avevo la fan pagedove mettevo le mie torte in pasta di zucchero, lei ha pensato di crearmi il blog. Un giorno si è presentata a casa dicendo ” mamma siediti al pc che ho un regalo per te” e devo dire che è stato amore a prima vista, ho iniziato prima con timore, poi con gioia, e adesso devo dire che non passa giorno senza che scrivo, modifico, scatto, per il blog
Sandra Riesci a conciliare il lavoro di blogger con gli impegni di tutti i giorni?
Ana Riesco benissimo a conciliare gli impegni con il blog, in quanto per prima cosa c’è il blog, poi viene tutto il resto.
Sandra Cosa vuoi trasmettere ai tuoi lettori tramite cio che scrivi e le foto ?
Ana 
Ai lettori, cerco di trasmettere anche il profumo del piatto che cucino, attraverso le foto, il racconto della ricetta, cerco di trasmettere quello che mi è stato sempre insegnato da piccola,mangiate sano, di stagione, e il più possibile fatto da voi, non ha prezzo sfornare un pane, cuocere un pasticcio e riempire la casa con il suo profumo, ricordo, che quando a casa eravamo in 5 persone, facevo i tortellini a mano, 300 tortellini ogni domenica, venivano divorati in 10 minuti, dopo che io avevo lavorato tutta la mattina per farli, quello voglio trasmettere, la sensazione di casa..
Babet il lavoro di foodblogger richiede pazienza, dedizione e come detto prima anche tempo, ma Ana per te qual è la cosa piu’ difficile da realizzare: La ricetta, la descrizione o le foto?. Non so tu ma io prima di sceglie una foto ne scatto tremila ….
Ana Le foto sono la cosa più difficile da realizzare, infatti, ancora faccio fatica a trasmettere attraverso la foto, quanto sia buono un piatto, anche se gli sforzi non mancano, assolutamente è la cosa che mi toglie il sonno, le foto, ne faccio circa 60 per sceglierne 2 al massimo 3
Babet Immagino.credo che le foto siano difficili un po’ per tutte .Un piatto che in un blog non dovrebbe mai mancare?
Ana l piatto che non dovrebbe mai mancare in un blog, e che nel mio manca ancora è “la pappa al pomodoro”, semplicemente perché, è un piatto che sa di casa..
Babet Se tu fossi un piatto, che piatto saresti e a quale brano musicale lo abbineresti?
Ana Se io fossi un piatto, sarei il sanguinaccio, lo abbinerei alla canzone di Madonna
“don’t cray for me Argentina”, troppo complicato spiegare il perchè, lo sintetizzo dicendo
che le mie origini sono Argentine, da noi il sanguinaccio lo si fa insaccato, si mangia grigliato, qui, in Italia, nonostante vivo da 20 anni, non l’ho mai trovato, neanche da fare a casa, diciamo che mi manca, forse, l’unica cosa che mi manca è questa
Babet La legge italiana ha abolito il sanguinaccio da diversi anni . Amo Madonna e’
una tra le mie cantanti preferite. Quali sono i tuoi progetti per il futuro ?
Ana ho un progetto molto ambizioso, quello di far diventare il mio blog un lavoro vero
e proprio ben retribuito, lavoro è, ma dovrebbe arrivare molto più in alto in modo di farmi avere uno stipendio sicuro ogni mese, non da tanto, ma giusto quello che mi permetta dire, questa cosa l’ho comprata con il mio blog, quindi con il mio lavoro..
Babet Cosa consigli a chi vuole intraprendere la tua stessa strada

Ana A quelli che vogliono aprire un blog, il mio consiglio è di imparare prima di tutto a scattare belle foto, poi, di cucinare con il cuore, per chi si vuole bene, il resto riesce da solo..
GRAZIE!!!!!

                                                B/S
Grazie Ana  a te per l’intervista. E’ stato un piacere chiacchierare con te. Speriamo di riaverti
presto ospite. Sei davvero una bellissima persona e una bravissima  chef _ blogger..
Complimenti per il tuo blog e pagina.



intervista



Ringraziamo i nostri lettori per essere stati quì

Commenti

Post popolari in questo blog

Paccheri al forno con funghi e salsiccia

Paccheri al forno con funghi e salsiccia. La pasta al forno e' quella ricetta che spesso si fa la domenica,quando tutta la famiglia e amici si riuniscono.Ma non serve aspettare quel giorno per gustare questo fantastico piatto. Ricco, con il profumo inconfondibile dei porcini, gustosissimo, cremoso, grazie alla presenza della besciamella che abbraccia e unisce tutti gli ingredienti. Ma poi, la classica crosticina che solo a guardarla ti fa venire l'acquolina. Come si fa a resistere a tale goduria e' praticamente impossibile.. Bene ora pero' vediamo la ricetta
Paccheri al forno con funghi e salsiccia  Ho scelto come formato di pasta  dei buonissimi paccheri di  semola di grano duro, ma la ricetta non  e’ vincolante. A  voi la scelta tra i tanti tipi  di pasta corta esistenti. Ingredienti per 4 persone 300 g di paccheri350 g di salsicce400 g di shampignon puliti200 g di porcini (anche congelati)300 ml di besciamella  (anche gia’ pronta)Per fare la besciamella vi rimando alla…

Uova in purgatorio (ova ‘mpriatorio).. quasi in paradiso

Uova in purgatorio (ova ‘mpriatorio) Altro piatto napoletano povero,  dal gusto deciso e dalla semplicità unica, anche un po’ misterioso. Beh! diciamo che le uova ‘a zuppa’ o in purgatorio e’una ricetta antica, contadina, con una storia che sa di favola, leggenda,  legata alla grande cultura religiosa che e’ presente a Napoli. Uova in purgatorio (ova'mpriatorio)Fantasiosamente, possiamo vedere queste anime del purgatorio che vengono rappresentate dall’albume, che tentano di fuggire dal fuoco del purgatorio, rappresentato dal colore rosso del pomodoro. A Napoli tutto e’ poesia e anche un semplice piatto diventa un quadro. Pochi ingredienti per ricreare la storia di affreschi, raffiguranti il purgatorio presenti in molte cappelle. Questa ricetta pero’ e’ un po’ più ricca. Non solo vi e’ una spolverata di parmigiano, accoglie anche molto bene delle sottili fettine di provola affumicata, che io amo particolarmente. Fanno capolino anche l’origano e il pepe. Si insomma un purgatorio ch…

Ciambella di zucca con noci e amaretti

Ciambella di zucca con noci e amaretti. 
L'autunno, con i suoi profumi, i suoi colori.. E' forse l'unica stagione che scandisce un po' i periodi. Gli alberi si spogliano e le strade si riempiono di foglie color oro e bronzo. ciambella di zucca con noci e amarettiLe giornate si accorciano e spesso il sole, lascia il posto alla pioggia. Per me l'autunno e' la stagione più romantica e d'ispirazione per creare piatti dai toni caldi e romantici. Ciambella di zucca con noci e amaretti Questa che vi propongo e' una ciambella di zucca che amo particolarmente. Forse perchè ho provato e riprovato a bilanciare tutti gli ingredienti per renderla mia, per far godere ad ogni morso, il gusto degli amaretti e della zucca, che si sposano magnificamente  alle noci e al profumo degli agrumi. Morbidissima anche per giorni, il colore interno e' quello del'autunno. Sfumature aranciate della zucca e del bronzo tipico delle noci e degli amaretti sbriciolati.             …

Zuppa di lenticchie nere beluga

Mai sentito parlare di queste  meravigliose lenticchie? Le nere beluga? Questo legume e' estremamente versatile e la sua caratteristica e’ quella di contenere  pochissimi grassi.

Queste lenticchie non hanno bisogno di riposo in acqua. Si cuociono in pochi minuti

e sono buonissime in insalata o come contorno.

Quella che vi propongo invece e’ una zuppa vegetariana, gustosa con poche calorie.

da consumare sia calda che fredda.

Per saperne di più delle nostre lenticchie nere beluga questo e’ l’indirizzo

La conoscenza dei vari prodotti rende la nostra alimentazione più varia e ricca.

I legumi in particolare sono preziosi per il nostro organismo e di varietà ve ne sono

a iosa. Una dieta bilanciata povera di grassi non solo ferma l’ago della bilancia,

ma fortifica l’organismo anche dei nostri figli.

Ingredienti per 4 persone
150 g di lenticchie nere4 cucchiai di olio evo1 spicchio di aglio a cui avrete tolto l’anima50 g di sedano50 g di cipolle50 g di carote4 pomodoriniprezzemolo…

Spezzatino in umido con polenta bramata

Spezzatino in umido con polenta bramata
Eccomi qui' a mostrarvi un piatto che  amo tantissimo. Mi da la sensazione di caldo, di montagna. Beh ok il fascino della baita e della montagna, della neve ecc,ecc ma se lo spezzatino non e' buono, perche' e' stopposo, poco saporito ecc, ecc la magia sparisce. Ma quali sono i segreti di un ottimo spezzatino? 
Spezzatino in umido con polentaVoglio dirvi subito i miei punti di vista in merito prima di darvi la ricetta. Quando si tratta di un piatto simile non bisogna pensare alla dieta. La carne deve avere il suo bel grassettino, per evitare che durante la cottura diventi appunto  stopposa e non  vi è  cosa piu' spiacevole che dover masticare per diversi minuti il boccone prima di riuscire a ingoiarlo con un bel bicchierone di acqua. Un occhio in piu' anche per il vino. Deve essere bello corposo, con una ottima gradazione. Non utilizzate quello che si trova nei bric troppo economici che di vino hanno solo il nome.  Anche i…

Zuppa di fagioli, cannellini e borlotti

Zuppa di fagioli  cannelini e borlotti.  Beh con queste giornate fredde e’ l’idealeper riscaldarci. Ha quel profumo che subito riporta alle baite in montagna.Amo quell’atmosfera.Questa e’ la ricetta con i fagioli secchi  ma se non avete tempo potrete utilizzare anche quelli in barattolo. Scegliete in questo caso un prodottodi alta qualità. Io personalmente preferisco quelli in vetro. Ingredienti  per 4 persone 150 g di borlotti secchi o 1 barattolo di quelli confezionati 150 g di fagioli cannellini secchi o 2 barattoli di quelli confezionati 1 costina di sedano 2 cipolle piccole 1 carota 5 cucchiai di olio evo 4 pomodorini 1 spicchio di aglio- 1 foglia di salvia, un pezzetto di rosmarino origano-sale-pepe-peperoncino (facoltativo) brodo vegetali Parmigiano -pancetta a cubetti (facoltativo) pane abbrustolito                                  Procedimento
Ponete in ammollo i fagioli per circa 12 ore. Se utilizzate quelli in barattolo invecescolateli e sciacquateli. Quindi mettete quelli…

Lasagna ai funghi e noci

Il piatto della domenica, che riunisce tutta la famiglia. La ricetta che scalda il cuore e anche le giornate
Amo la pasta al forno e la lasagna e' il top. Questa e' forse un po' diversa, un'alternativa a quella tradizionale bolognese a cui non so resistere...Ma credetemi anche questa ha un suo perchè e voglio proporvela. Poi mi direte

Ingredienti

4/6 persone

450 g  di pioppini
200 g di porcini freschi (o congelati a fette)
100 g di champignon
2 spicchi di aglio
4 cucchiai  di olio evo
100  g di pancetta  affumicata o spek
parmigiano grattugiato
1 tazzina di vino bianco
500 g di lasagne comprate fresche  o fatte in casa
1 lt di besciamella
prezzemolo
200 g di noci pelate.
Prezzemolo -sale-pepe Preparate la besciamella.



Vi lascio qui' l'indirizzo

Raddoppiate il peso degli ingredienti,.della ricetta della besciamella che trovate 

nel link 

Preparate la pasta all'uovo (oppure compratela. Ve ne sono alcune di ottime ma le cose fatte con le proprie mani non hanno prezzo) utilizza…

Intervista alla foodblogger, Sonia Camozzini di " Arte e fantasia a tavola "

Ho il privilegio di intervistare lei, Sonia Camozzini in arte Ortensia. Fondatrice del blog arte e fantasia a tavola  e della omonima pagina che consiglio vivamente di andare a sbirciare, troverete delle bellissime ricette ed e' curatissimo.
                                            Ma chi e' la nostra  Sonia? Biografia-Sonia Nasce a Bergamo 42 anni fa e ha sempre vissuto e vive a Presezzo. Dopo gli studi da perito informatico, entra nel mondo del lavoro come operaia, ora e' mamma a tempo pieno di 3 bambini, 2 maschietti e una femminuccia. Sonia e' una donna, dolce, romantica e amante degli animali.. Oltre ai tre figli, la sua famiglia accoglie anche un pappagallo, dei pesciolini e tra non molto anche un cagnolino. Le sue passioni sono la lettura e naturalmente la cucina. Ma conosciamola meglio
Ciao. Intanto ti ringrazio per aver scelto il mio blog. Preferisci che ti intervisti come Sonia o Ortensia? Preferisco Sonia Prima di iniziare voglio farti i complimenti. In q…

Il bartolaccio di Tredozio. "il Bartlàz "Tra tradizione e cultura

Il bartolaccio di Tredozio " Bartlàz "?  ma che cosa e'?Come alcuni sanno  vivo in Romagna, una regione che amo molto   .Spesso   mi sorprendo  quando faccio delle ricerche in merito all'arte culinaria e ai suoi luoghi .Mi rendo conto di quanto essa sia ricca di storia  Questo e'il caso di Tredozio .un paesino  immerso nel verde che si trova nell’alto Appennino Tosco-Romagnolo.Un borgo piccolo che racchiude una tradizione molto radicata  quella del bartolaccio in dialetto  "il Bartlàz "  ( 1^ e 2^ DOMENICA DI NOVEMBRE ) viene festeggiato appunto  "il Bartlàz " Questa sagra riunisce tutto il paese ed e' amata da molti.L'intento e' infatti di far conoscere sia il luogo,ricco di storia e posti da visitare . che questa antica e povera ricetta.  Il Bartolaccio è una  specialità solo di Tredozio ..da non confondere con il tortello  romagnolo. anche se possiamo considerarli per la loro  forma  a mezza luna quasi  cugini  : La sua sfoglia…

Piselli al prosciutto

Piselli fini al prosciutto.
La primavera continua  a regalarci frutta, ortaggi e verdure di ogni genere
Ingredienti ricchi di vitamine, sali minerali e  gustosi, forniscono tantissime idee per realizzare piatti unici e colorati. I piselli sono probabilmente quelli più acquistati e il loro utilizzo va dagli antipasti ai primi, come contorno o per arricchire piatti di pesce e carne.

Piselli fini al prosciutto Quando però non e' periodo ma voglio comunque realizzare un piatto la mia scelta ricade su quelli surgelati. Non amo i legumi in barattolo ma non li demonizzo, e compro solo quelli nei vasetti di vetro e di ottima qualità         Ingredienti  per 2 persone 
300 g di piselli fini4 cucchiai di olio evo1 cipolla media100 g di prosciutto cotto a dadinisale- pepe-prezzemolobrodo vegetale                                              ProcedimentoPonete in un tegame l'olio evo e la cipolla tritata finemente o a rondelle sottili se vi piace sentirne il gusto pieno. Lasciat…