Passa ai contenuti principali

Piadina " piada " Romagna in tavola

    La piadina "piada". 
Siamo in Romagna. Terra natia della  fantastica piada o piadina .. Voglio proporvi questa ricetta tradizionale e veloce perchè e' il simbolo della convivialita', come la pizza lo e' a Napoli ..
piadina

Piadina

La classica e' con il prosciutto o squacquerone con l'aggiunta anche di rucola. Lo squacquerone e' il tipico formaggio fresco del luogo. Delizioso, cremoso che si sposa magnificamente con la piadina.
Per saperne di piu' su questo prodotto vi rimando QUI' Quindi due prodotti che richiamano le tradizioni contadine, etichette della vera Romagna in cui abito da molti anni. Ed e' proprio qui,' grazie ad una romagnola DOC che ho imparato come preparare questa delizia.
In fondo alla ricetta alcuni cenni storici dal web                       
                                               Ingredienti
  • 600 gr di farina 00
(oppure quella calibrata per piadina ad esempio della Spadoni.)
 ( ops, pubblicità occulta?? nooo semplicemente un consiglio su cosa orientarvi )
  • 10 gr di sale 
  • 1 cucchiaino di miele 
  • 15 gr di lievito per piadine 
(si trova al supermercato.. )
o mezzo cucchiaino raso di bicarbonato
  • 100 gr di strutto a temperatura ambiente 
  • 250 gr di latte intero tiepido 
  • ( potete anche mettere 125 di acqua e 125 di latte
  • o solo acqua )
                                 Procedimento

Ponete sulla spianatoia la farina  e fate un buco al centro. Mettetevi l'acqua o il latte e gli altri ingredienti.
Lavorando con le mani, fate sciogliere  lo strutto nei liquidi. Raccogliete quindi la farina sempre
impastando e lavorate il composto fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo.
Fate riposare la pasta per circa 30 minuti in un  contenitore coperto.Tagliate dei pezzetti di pasta di circa 150 g l'uno e formate delle pagnotte


piadina
Lasciate poi riposare (sempre coperti) altri 10/15 mt prima di stenderle con il mattarello (spessore circa 3 mm. Tutto dipende anche dai gusti). Durante la stesa cercate di utilizzare pochissima farina o meglio senza.

piadina

La vera cottura dovrebbe avvenire sul testo romagnolo ( lo potete trovare anche nei negozi online) , ma noi ci adegueremo utilizzando una semplice padella antiaderente,visto che ci troviamo in un ambiente casalingo
Ponete il disco di pasta nella padella o sulla piastra rovente. Fate cuocere la piada a fiamma media bassa. 
Bucherella la piadina  durante la cottura da entrambe le parti con i rembi di una forchetta  (Non in tutte le zone della Romagna e chioschi  fanno questo passaggio, dalle mie parti (Forli') invece sembrerebbe di si,ma come abbiamo già detto si va a tradizione e la stessa ricetta  si diversifica secondo il luogo di appartenenza)
Fate dorare e servitele ben calde come nella foto in alto  o d'accompagnamento
                                                        
piadina

La piadina romagnola è una ricetta antichissima. La ritroviamo già a partire dal 1200 a.C.
Veniva chiamata pane azzimo ed era cotta come oggi su una piastra rovente. Ci sono testimonianze anche negli scritti del Medioevo, dagli Etruschi e dai Romani. I contadini la consumavano perché era ed è una pietanza povera ed economica. La piadina viene utilizzata sia come sostituto del pane sia con del companatico

Per saperne ancora di più di questa pietanza, per i curiosi come me, ecco qui' un INDIRIZZO utilissimo che ho trovato in internet. 

La piadina si modernizza e cambia un po' la sua veste.
Ricordiamoci sempre che la piada e' una ricetta povera e nasce con pochissimi ingredienti. L'utilizzo di olio, e altri tipi di farine la rendono forse piu' moderna ma secondo il mio modesto parere si toglie un po' del suo fascino antico.Ma come si sa bisogna adeguarsi, ed ecco che lo strutto viene sostituito da grassi vegetali e la farina da altre  ( kamut, farro, integrale ecc..) In alcune zone non viene messo ne lievito e ne bicarbonato. Quest'ultimo a me piace poco perche' rende la pasta giallina.


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paccheri al forno con funghi e salsiccia

Paccheri al forno con funghi e salsiccia. La pasta al forno e' quella ricetta che spesso si fa la domenica,quando tutta la famiglia e amici si riuniscono.Ma non serve aspettare quel giorno per gustare questo fantastico piatto. Ricco, con il profumo inconfondibile dei porcini, gustosissimo, cremoso, grazie alla presenza della besciamella che abbraccia e unisce tutti gli ingredienti. Ma poi, la classica crosticina che solo a guardarla ti fa venire l'acquolina. Come si fa a resistere a tale goduria e' praticamente impossibile.. Bene ora pero' vediamo la ricetta
Paccheri al forno con funghi e salsiccia  Ho scelto come formato di pasta  dei buonissimi paccheri di  semola di grano duro, ma la ricetta non  e’ vincolante. A  voi la scelta tra i tanti tipi  di pasta corta esistenti. Ingredienti per 4 persone 300 g di paccheri350 g di salsicce400 g di shampignon puliti200 g di porcini (anche congelati)300 ml di besciamella  (anche gia’ pronta)Per fare la besciamella vi rimando alla…

Ciambella di zucca con noci e amaretti

Ciambella di zucca con noci e amaretti. 
L'autunno, con i suoi profumi, i suoi colori.. E' forse l'unica stagione che scandisce un po' i periodi. Gli alberi si spogliano e le strade si riempiono di foglie color oro e bronzo. ciambella di zucca con noci e amarettiLe giornate si accorciano e spesso il sole, lascia il posto alla pioggia. Per me l'autunno e' la stagione più romantica e d'ispirazione per creare piatti dai toni caldi e romantici. Ciambella di zucca con noci e amaretti Questa che vi propongo e' una ciambella di zucca che amo particolarmente. Forse perchè ho provato e riprovato a bilanciare tutti gli ingredienti per renderla mia, per far godere ad ogni morso, il gusto degli amaretti e della zucca, che si sposano magnificamente  alle noci e al profumo degli agrumi. Morbidissima anche per giorni, il colore interno e' quello del'autunno. Sfumature aranciate della zucca e del bronzo tipico delle noci e degli amaretti sbriciolati.             …

Uova in purgatorio (ova ‘mpriatorio).. quasi in paradiso

Uova in purgatorio (ova ‘mpriatorio) Altro piatto napoletano povero,  dal gusto deciso e dalla semplicità unica, anche un po’ misterioso. Beh! diciamo che le uova ‘a zuppa’ o in purgatorio e’una ricetta antica, contadina, con una storia che sa di favola, leggenda,  legata alla grande cultura religiosa che e’ presente a Napoli. Uova in purgatorio (ova'mpriatorio)Fantasiosamente, possiamo vedere queste anime del purgatorio che vengono rappresentate dall’albume, che tentano di fuggire dal fuoco del purgatorio, rappresentato dal colore rosso del pomodoro. A Napoli tutto e’ poesia e anche un semplice piatto diventa un quadro. Pochi ingredienti per ricreare la storia di affreschi, raffiguranti il purgatorio presenti in molte cappelle. Questa ricetta pero’ e’ un po’ più ricca. Non solo vi e’ una spolverata di parmigiano, accoglie anche molto bene delle sottili fettine di provola affumicata, che io amo particolarmente. Fanno capolino anche l’origano e il pepe. Si insomma un purgatorio ch…

Zuppa di lenticchie nere beluga

Mai sentito parlare di queste  meravigliose lenticchie? Le nere beluga? Questo legume e' estremamente versatile e la sua caratteristica e’ quella di contenere  pochissimi grassi.

Queste lenticchie non hanno bisogno di riposo in acqua. Si cuociono in pochi minuti

e sono buonissime in insalata o come contorno.

Quella che vi propongo invece e’ una zuppa vegetariana, gustosa con poche calorie.

da consumare sia calda che fredda.

Per saperne di più delle nostre lenticchie nere beluga questo e’ l’indirizzo

La conoscenza dei vari prodotti rende la nostra alimentazione più varia e ricca.

I legumi in particolare sono preziosi per il nostro organismo e di varietà ve ne sono

a iosa. Una dieta bilanciata povera di grassi non solo ferma l’ago della bilancia,

ma fortifica l’organismo anche dei nostri figli.

Ingredienti per 4 persone
150 g di lenticchie nere4 cucchiai di olio evo1 spicchio di aglio a cui avrete tolto l’anima50 g di sedano50 g di cipolle50 g di carote4 pomodoriniprezzemolo…

Il bartolaccio di Tredozio. "il Bartlàz "Tra tradizione e cultura

Il bartolaccio di Tredozio " Bartlàz "?  ma che cosa e'?Come alcuni sanno  vivo in Romagna, una regione che amo molto   .Spesso   mi sorprendo  quando faccio delle ricerche in merito all'arte culinaria e ai suoi luoghi .Mi rendo conto di quanto essa sia ricca di storia  Questo e'il caso di Tredozio .un paesino  immerso nel verde che si trova nell’alto Appennino Tosco-Romagnolo.Un borgo piccolo che racchiude una tradizione molto radicata  quella del bartolaccio in dialetto  "il Bartlàz "  ( 1^ e 2^ DOMENICA DI NOVEMBRE ) viene festeggiato appunto  "il Bartlàz " Questa sagra riunisce tutto il paese ed e' amata da molti.L'intento e' infatti di far conoscere sia il luogo,ricco di storia e posti da visitare . che questa antica e povera ricetta.  Il Bartolaccio è una  specialità solo di Tredozio ..da non confondere con il tortello  romagnolo. anche se possiamo considerarli per la loro  forma  a mezza luna quasi  cugini  : La sua sfoglia…

Spezzatino in umido con polenta bramata

Spezzatino in umido con polenta bramata
Eccomi qui' a mostrarvi un piatto che  amo tantissimo. Mi da la sensazione di caldo, di montagna. Beh ok il fascino della baita e della montagna, della neve ecc,ecc ma se lo spezzatino non e' buono, perche' e' stopposo, poco saporito ecc, ecc la magia sparisce. Ma quali sono i segreti di un ottimo spezzatino? 
Spezzatino in umido con polentaVoglio dirvi subito i miei punti di vista in merito prima di darvi la ricetta. Quando si tratta di un piatto simile non bisogna pensare alla dieta. La carne deve avere il suo bel grassettino, per evitare che durante la cottura diventi appunto  stopposa e non  vi è  cosa piu' spiacevole che dover masticare per diversi minuti il boccone prima di riuscire a ingoiarlo con un bel bicchierone di acqua. Un occhio in piu' anche per il vino. Deve essere bello corposo, con una ottima gradazione. Non utilizzate quello che si trova nei bric troppo economici che di vino hanno solo il nome.  Anche i…

Piselli al prosciutto

Piselli fini al prosciutto.
La primavera continua  a regalarci frutta, ortaggi e verdure di ogni genere
Ingredienti ricchi di vitamine, sali minerali e  gustosi, forniscono tantissime idee per realizzare piatti unici e colorati. I piselli sono probabilmente quelli più acquistati e il loro utilizzo va dagli antipasti ai primi, come contorno o per arricchire piatti di pesce e carne.

Piselli fini al prosciutto Quando però non e' periodo ma voglio comunque realizzare un piatto la mia scelta ricade su quelli surgelati. Non amo i legumi in barattolo ma non li demonizzo, e compro solo quelli nei vasetti di vetro e di ottima qualità         Ingredienti  per 2 persone 
300 g di piselli fini4 cucchiai di olio evo1 cipolla media100 g di prosciutto cotto a dadinisale- pepe-prezzemolobrodo vegetale                                              ProcedimentoPonete in un tegame l'olio evo e la cipolla tritata finemente o a rondelle sottili se vi piace sentirne il gusto pieno. Lasciat…

Zuppa di fagioli, cannellini e borlotti

Zuppa di fagioli  cannelini e borlotti.  Beh con queste giornate fredde e’ l’idealeper riscaldarci. Ha quel profumo che subito riporta alle baite in montagna.Amo quell’atmosfera.Questa e’ la ricetta con i fagioli secchi  ma se non avete tempo potrete utilizzare anche quelli in barattolo. Scegliete in questo caso un prodottodi alta qualità. Io personalmente preferisco quelli in vetro. Ingredienti  per 4 persone 150 g di borlotti secchi o 1 barattolo di quelli confezionati 150 g di fagioli cannellini secchi o 2 barattoli di quelli confezionati 1 costina di sedano 2 cipolle piccole 1 carota 5 cucchiai di olio evo 4 pomodorini 1 spicchio di aglio- 1 foglia di salvia, un pezzetto di rosmarino origano-sale-pepe-peperoncino (facoltativo) brodo vegetali Parmigiano -pancetta a cubetti (facoltativo) pane abbrustolito                                  Procedimento
Ponete in ammollo i fagioli per circa 12 ore. Se utilizzate quelli in barattolo invecescolateli e sciacquateli. Quindi mettete quelli…

Intervista alla foodblogger, Sonia Camozzini di " Arte e fantasia a tavola "

Ho il privilegio di intervistare lei, Sonia Camozzini in arte Ortensia. Fondatrice del blog arte e fantasia a tavola  e della omonima pagina che consiglio vivamente di andare a sbirciare, troverete delle bellissime ricette ed e' curatissimo.
                                            Ma chi e' la nostra  Sonia? Biografia-Sonia Nasce a Bergamo 42 anni fa e ha sempre vissuto e vive a Presezzo. Dopo gli studi da perito informatico, entra nel mondo del lavoro come operaia, ora e' mamma a tempo pieno di 3 bambini, 2 maschietti e una femminuccia. Sonia e' una donna, dolce, romantica e amante degli animali.. Oltre ai tre figli, la sua famiglia accoglie anche un pappagallo, dei pesciolini e tra non molto anche un cagnolino. Le sue passioni sono la lettura e naturalmente la cucina. Ma conosciamola meglio
Ciao. Intanto ti ringrazio per aver scelto il mio blog. Preferisci che ti intervisti come Sonia o Ortensia? Preferisco Sonia Prima di iniziare voglio farti i complimenti. In q…

Lasagna ai funghi e noci

Il piatto della domenica, che riunisce tutta la famiglia. La ricetta che scalda il cuore e anche le giornate
Amo la pasta al forno e la lasagna e' il top. Questa e' forse un po' diversa, un'alternativa a quella tradizionale bolognese a cui non so resistere...Ma credetemi anche questa ha un suo perchè e voglio proporvela. Poi mi direte

Ingredienti

4/6 persone

450 g  di pioppini
200 g di porcini freschi (o congelati a fette)
100 g di champignon
2 spicchi di aglio
4 cucchiai  di olio evo
100  g di pancetta  affumicata o spek
parmigiano grattugiato
1 tazzina di vino bianco
500 g di lasagne comprate fresche  o fatte in casa
1 lt di besciamella
prezzemolo
200 g di noci pelate.
Prezzemolo -sale-pepe Preparate la besciamella.



Vi lascio qui' l'indirizzo

Raddoppiate il peso degli ingredienti,.della ricetta della besciamella che trovate 

nel link 

Preparate la pasta all'uovo (oppure compratela. Ve ne sono alcune di ottime ma le cose fatte con le proprie mani non hanno prezzo) utilizza…